Codice Etico

Codice Etico
1.Principi Generali
 
1.1 Presentazione del Gruppo
La famiglia Del Sorbo opera nel settore navale civile e industriale da oltre trent’anni. Avendo maturato una forte esperienza caratterizzata dall’unione dei valori delle aziende familiari e le necessità di adeguamento e configurazione dell’Azienda alle logiche di una rapida evoluzione e globalizzazione del mercato, ha creato la Società consortile Idal Group a cui capo si trova Antonio Del Sorbo, affermato imprenditore partenopeo. La Idal Group è la capogruppo di aziende operanti nell’ambito della progettazione, produzione, realizzazione e manutenzione d’impianti tecnologici e speciali, per il settore navale, civile e industriale.
Gli obiettivi della Società possono così sintetizzarsi:
  • Elevata Qualità dei prodotti, servizi e processi realizzata attraverso l’ottimizzazione dei diversi cicli produttivi; monitoraggio costante di tutte le fasi della produzione; controllo di tutti i flussi Aziendali e dei relativi indicatori di prestazione;
  • Maggiore Competitività grazie a continue sinergie con partner qualificati;
  • Continua Innovazione attraverso investimenti in Know-how e tecnologia garantendo un’evoluzione dell’Azienda in sincronia con i rapidi mutamenti e sviluppi del mercato.
In tale ottica l’Azienda, ha sentito la necessità di rendere accessibili tutte le sue applicazioni generando un’ampia integrazione tra i dati e le risorse indipendentemente dalla posizione geografica o logica delle stesse. A supporto di tale obiettivo è stato realizzato il progetto di un sistema ERP (Enterprise Resource Planning), dove tutti i più importanti processi d’affari Aziendali quali vendite, acquisti, gestione magazzino, contabilità, si sono declinati in applicazioni che supportano i manager Aziendali nel controllo e tracciamento di tutte le attività quali ordini, servizi, inventari, finanza e risorse umane permettendole così di integrarsi con le applicazioni di partner, fornitori e clienti. Il vantaggio competitivo è che tutti gli attori del business operano in un ambiente uniforme e integrato, indipendentemente dall'area applicativa.
 
1.2 Impostazione Etica delle Attività
E’ convincimento dell’Idal Group Scarl che l’etica nella conduzione degli affari favorisca il successo di ogni attività imprenditoriale, contribuendo a imprimere un’impronta di affidabilità, correttezza e trasparenza a tutte le attività svolte dall’Azienda per perseguire i suoi scopi istituzionali.
Al fine di salvaguardare le proprie attività, l’immagine e la fama di correttezza e affidabilità acquisita in trenta anni di presenza sul mercato l’Idal Group Scarl ritiene necessario richiamare l’attenzione dei propri stakeholder, amministratori, dipendenti, collaboratori esterni, partner, fornitori, clienti, utenti, amministrazioni e ogni altra entità con cui sì interfaccia o potrebbe interfacciarsi nell’ambito delle proprie attività, all’osservanza dei principi fondamentali di correttezza, coerenza, rettitudine e morali nella conduzione degli affari in modo da creare sia all’interno che all’esterno dell’Azienda una cultura comune indirizzata al raggiungimento dell’obiettivo societario sia in termini economici che sociali nel rispetto di principi etici e morali imprescindibili che siano propri dell’Azienda e pienamente rispondenti alla normativa prevista in materia di responsabilità delle aziende di cui al D. Lgs. n° 231/2001.
Il Codice Etico o di Condotta di Idal Group Scarl intende, pertanto, declinare i principi generali di etica Aziendale cui tutti devono conformarsi e da rispettare e far rispettare nello sviluppo delle attività di lavoro quotidiane da tutte le società del Gruppo e utili per perseguire correttamente e con efficienza gli obiettivi Aziendali in un contesto come quello industriale della produzione e dei servizi caratterizzato da una competitività e complessità di livello globale.
 
Il Codice Etico e di Condotta Aziendale:
 
  • Enuncia l’insieme dei principi, diritti, doveri e responsabilità delle Società del Gruppo rispetto a tutti i soggetti con i quali si entra in relazione per il conseguimento dell’oggetto sociale;
  • Si propone di fissare standard di riferimento e norme comportamentali mirate a rinforzare e supportare i propri processi decisionali e ad orientare la condotta dell’intera platea Aziendale complessivamente intesa e dei principali partner esterni al gruppo.
Pertanto il codice di Condotta richiede agli amministratori, a tutto il personale Aziendale, agli altri collaboratori e ai consulenti esterni comportamenti coerenti, cioè azioni che non sono dissonanti rispetto ai principi etici sanciti nel Codice di Condotta Aziendale.
Tutti i destinatari o utilizzatori del Codice di Condotta Aziendale sono tenuti al rispetto delle norme in esso contenute nell’esercizio delle proprie funzioni svolte anche in rappresentanza di altre società del Gruppo presso Enti pubblici o privati, amministrazioni, associazioni e organismi di vario genere, clienti, fornitori o in ogni caso in tutte le relazioni B2A, B2B e B2C. L’Idal Group auspica altresì che il rispetto del Codice contribuisca a una maggiore coesione tra i destinatari o utilizzatori dello stesso, rendendoli consapevoli e attenti, nell’ambito delle rispettive funzioni e responsabilità, a perseguire gli obiettivi Aziendali, nelle diverse situazioni lavorative, con metodi corretti, leali e trasparenti.
Inoltre è convincimento della proprietà e del management Aziendale che lavorare in un ambiente che attribuisce il giusto valore all’onestà, integrità e correttezza morale delle persone contribuisca alla crescita della capacità lavorativa e professionale del singolo dipendente e di tutto il Gruppo nel suo complesso.
Il Codice non deve essere, pertanto considerato come un documento immodificabile, statico e statutario ma uno strumento di guida del lavoro in dinamica evoluzione suscettibile di tutte le modifiche e integrazioni che possono derivare dalle esperienze e mutamenti sia della realtà interna sia esterna all’Azienda eventualmente anche integrato dalle esperienze acquisite nei rapporti con gli stakeholder nel corso del tempo. 
 
 
Il tutto volto ad assicurare la piena coerenza tra i valori guida assunti e fatti propri dall’Azienda e i comportamenti e le prassi di lavoro acquisite e praticate.
Una copia del Codice di Condotta è stata consegnata a ogni risorsa e sarà consegnata a ogni dipendente o collaboratore esterno all’atto della nomina, dell’assunzione o dell’avvio del rapporto di lavoro/collaborazione; il Gruppo s’impegna a diffondere il presente Codice tra tutti gli altri soggetti, direttamente o indirettamente interessati e a comunicare, con i mezzi ritenuti più opportuni, eventuali aggiornamenti e/o variazioni; sarà inoltre possibile prenderne visione o scaricarlo accedendo al sito Aziendale.
 
1.3 Obblighi del Management
 
Ogni Amministratore, Dirigente, Manager e/o Responsabile di Funzione/Capo Area delle Società del Gruppo, ha l’obbligo di:
 
  • Rappresentare con il proprio comportamento un esempio positivo dal punto di vista etico/ comportamentale per i propri sottoposti e/o collaboratori;
  • Orientare il personale dipendente all’osservanza del Codice;
  • Adoperarsi affinché il personale dipendente comprenda che il rispetto delle norme del Codice costituisce parte essenziale della qualità della prestazione di lavoro;
  • Informare tempestivamente il proprio diretto superiore gerarchico su notizie direttamente acquisite o fornite dal personale dipendente circa possibili casi di violazione delle norme;
  • Attuare prontamente adeguate azioni correttive, quando richiesto dalla situazione;
  • Impedire qualunque tipo di ritorsione nei confronti dei soggetti sottoposti per aver osservato il Codice o per aver segnalato possibili casi di violazione.
 
1.4 Obblighi del Personale
 
A tutto il Personale amministrativo, contabile, tecnico e/o operativo dipendente è richiesta la conoscenza delle norme contenute nel Codice di condotta e delle norme di riferimento, interne ed esterne, che regolano l’attività svolta nell’ambito della funzione di competenza.
 
Il Personale ha inoltre l’obbligo di:
  • Osservare diligentemente le norme del Codice, astenendosi da comportamenti a esso contrari;
  • Rivolgersi ai propri responsabili in caso di necessità di chiarimenti circa l’interpretazione e l’attuazione delle norme contenute nel Codice;
  • Riferire tempestivamente ai propri responsabili qualsiasi notizia appresa  in  merito  a possibili violazioni del Codice e qualsiasi richiesta ricevuta di violare il Codice stesso;
  • Offrire la massima collaborazione per accertare le possibili violazioni.
 
Le norme del Codice di Condotta costituiscono parte integrante delle obbligazioni contrattuali del personale, compatibilmente con la legislazione del lavoro vigente in ogni Paese in cui il Gruppo opera. Ogni società del Gruppo valuta sotto il profilo disciplinare, ai sensi della normativa applicabile, i comportamenti contrari ai principi indicati nel Codice applicando, le sanzioni che la diversa gravità dei fatti può giustificare.
 
1.5 Valenza del Codice nei Confronti dei Terzi Portatori d’Interesse 
 
Nei confronti dei terzi portatori d’interesse, quali collaboratori esterni, committenti, partner, fornitori, agenti, clienti, consulenti e amministrazioni pubbliche in ragione delle responsabilità assegnate, si baderà a:
  • Dare adeguata informazione circa gli impegni e obblighi imposti dal Codice;
  • Esigere il rispetto degli obblighi che riguardano direttamente la loro attività;
  • Attuare le opportune iniziative in caso di mancato adempimento da parte dei terzi dell’obbligo di adeguarsi alle norme del Codice, in conformità ai successivi § 5.4 e 8.3.